Telefoni cellulari

C'erano una volta degli ingegneri che decisero di cambiare il corso della storia. Pensando a un modo per rendere la comunicazione più efficiente e facile, hanno avuto la brillante idea di creare un sistema in grado di comunicare tra telefoni cordless.

L'idea non era poi così male, ma la tecnologia di allora non aiutava molto. Tutto ebbe inizio nell'anno 1947, ma le idee non andarono molto oltre la teoria e poca pratica.

La vera storia del telefono cellulare, noto anche come cellulare, inizia nel 1973, quando la prima chiamata è stata effettuata da un cellulare verso una rete fissa.

Era l'aprile del 1973 quando tutte le teorie dimostrarono che il telefono cellulare funzionava perfettamente e che la rete di telefonia mobile suggerita nel 1947 era stata progettata correttamente. Questo è stato un momento non molto noto, ma è stato sicuramente un evento segnato per sempre e che ha cambiato totalmente la storia del mondo.

cronologia del telefono cellulare

Da quando è stato creato nel 1973 da Martin Cooper, il telefono cellulare si è evoluto a passi da gigante. Nei primi anni, l'attrezzatura era pesante ed enorme e costava un bel po' di soldi. Oggi, praticamente chiunque può possedere un dispositivo a basso costo che pesa meno di 0,5 libbra ed è più piccolo della tua mano.

Anni '1980: i primi anni

Diversi produttori hanno testato tra il 1947 e il 1973, ma la prima azienda a mostrare un dispositivo funzionante è stata Motorola. Il nome del dispositivo era DynaTAC e non era in vendita al pubblico (era solo un prototipo). Il primo modello ad essere rilasciato in commercio negli Stati Uniti (alcuni altri paesi avevano già ricevuto telefoni di altre marche) è stato il Motorola DynaTAC 8000x, cioè dieci anni dopo il primo test.

L'ex dipendente Motorola Martin Cooper ha introdotto il primo telefono cellulare al mondo, il Motorola DynaTAC, il 3 aprile 1974 (circa un anno dopo la sua creazione).

In piedi vicino al New York Hilton Hotel, ha installato una stazione base dall'altra parte della strada. L'esperienza ha funzionato, ma ci sono voluti un decennio prima che il telefono cellulare diventasse finalmente pubblico.

Nel 1984, Motorola ha rilasciato al pubblico il Motorola DynaTAC. Conteneva un tastierino numerico di base, un display a una riga e una batteria scadente con solo un'ora di conversazione e 8 ore in standby. Tuttavia, era rivoluzionario per l'epoca, motivo per cui solo i più ricchi potevano permettersi di acquistarne uno o pagare per il servizio vocale, che costava parecchio.

Il DynaTAC 8000X misurava 33 centimetri di altezza, 4,5 centimetri di larghezza e 8,9 centimetri di spessore. Pesava 794 grammi e poteva memorizzare fino a 30 numeri. Lo schermo LED e la batteria relativamente grande hanno mantenuto il suo design "in scatola". Ha funzionato sulla rete analogica, ovvero NMT (Nordic Mobile Telephone), e la sua produzione non è stata interrotta fino al 1994.

1989: l'ispirazione per i telefoni cellulari

Sei anni dopo la comparsa di DynaTAC, Motorola ha fatto un ulteriore passo avanti, introducendo quella che è diventata l'ispirazione per il primo telefono a conchiglia. Chiamato MicroTAC, questo dispositivo analogico ha introdotto un progetto rivoluzionario: il dispositivo di acquisizione vocale ripiegato sulla tastiera. Inoltre, misurava più di 23 centimetri quando era aperto e pesava meno di 0,5 chili, il che lo rendeva il telefono cellulare più leggero mai prodotto fino a quel momento.
Anni '1990: la vera evoluzione

Fu durante gli anni '90 che iniziò a formarsi il tipo di moderna tecnologia cellulare che vedi tutti i giorni. I primi processori di segnali digitali ad alta tecnologia (reti iDEN, CDMA, GSM) sono emersi durante questo periodo tumultuoso.

1993: primo smartphone

Mentre i telefoni cellulari personali sono in circolazione dagli anni '1970, la creazione dello smartphone ha entusiasmato i consumatori americani in un modo completamente nuovo.

Dopotutto, i tre decenni tra il primo telefono cellulare e il primo smartphone hanno visto l'avvento di Internet moderno. E quell'invenzione ha innescato l'inizio del fenomeno delle telecomunicazioni digitali che vediamo oggi.

Nel 1993, IBM e BellSouth hanno unito le forze per lanciare IBM Simon Personal Communicator, il primo telefono cellulare a includere la funzionalità PDA (Personal Digital Assistant). Non solo poteva inviare e ricevere chiamate vocali, ma fungeva anche da rubrica, calcolatrice, cercapersone e fax. Inoltre, per la prima volta ha offerto un touchscreen, che consente ai clienti di utilizzare le dita o una penna per effettuare chiamate e creare note.

Queste caratteristiche erano diverse e sufficientemente avanzate da considerarlo degno del titolo di "primo smartphone al mondo".

1996: primo telefono a conchiglia

Mezzo decennio dopo il rilascio del MicroTAC, Motorola ha rilasciato un aggiornamento noto come StarTAC. Ispirato dal suo predecessore, StarTAC è diventato il primo vero telefono a conchiglia. Funzionava su reti GSM negli Stati Uniti e includeva il supporto per i messaggi di testo SMS, aggiungeva funzionalità digitali come una rubrica ed è stato il primo a supportare una batteria al litio. Inoltre, il dispositivo pesava solo 100 grammi.

1998: primo telefono candybar

Nokia è esplosa sulla scena nel 1998 con il telefono dal design candybar, il Nokia 6160. Con un peso di 160 grammi, il dispositivo presentava un display monocromatico, un'antenna esterna e una batteria ricaricabile con un'autonomia di conversazione di 3,3 ore. Grazie al prezzo e alla facilità d'uso, il Nokia 6160 è diventato il dispositivo Nokia più venduto negli anni '90.

1999: Precursore dello smartphone BlackBerry

Il primo dispositivo mobile BlackBerry è apparso alla fine degli anni '90 come cercapersone a due vie. Presentava una tastiera QWERTY completa e poteva essere utilizzata per inviare e ricevere messaggi di testo, e-mail e pagine.

Inoltre, offriva un display a 8 righe, un calendario e un organizer. A causa della mancanza di interesse per i dispositivi di posta elettronica mobili in quel momento, il dispositivo veniva utilizzato solo da persone che lavoravano nel settore aziendale.

Anni 2000: l'era dello smartphone

Il nuovo millennio ha portato con sé la comparsa di telecamere integrate, reti 3G, GPRS, EDGE, LTE e altri, nonché la definitiva diffusione della rete cellulare analogica a favore delle reti digitali.

Per ottimizzare il tempo e fornire più servizi quotidiani, lo smartphone è diventato indispensabile, in quanto ha permesso di navigare in Internet, leggere e modificare file di testo, fogli di calcolo e accedere rapidamente alla posta elettronica.

Solo nel 2000 lo smartphone è stato collegato a una vera rete 3G. In altre parole, è stato creato uno standard di comunicazione mobile per consentire ai dispositivi elettronici portatili di accedere a Internet in modalità wireless.

Ciò ha alzato la posta per gli smartphone ora rendendo possibili cose come le videoconferenze e l'invio di allegati e-mail di grandi dimensioni.

2000: primo telefono bluetooth

Il telefono Ericsson T36 ha introdotto la tecnologia Bluetooth nel mondo cellulare, consentendo ai consumatori di collegare in modalità wireless i propri telefoni cellulari ai propri computer. Il telefono offriva anche connettività in tutto il mondo tramite banda GSM 900/1800/1900, tecnologia di riconoscimento vocale e Aircalendar, uno strumento che consente ai consumatori di ricevere aggiornamenti in tempo reale sul proprio calendario o rubrica.

2002: primo smartphone BlackBerry

Nel 2002, Research In Motion (RIM) è finalmente decollato. Il BlackBerry PDA è stato il primo a disporre di connettività cellulare. Operando su una rete GSM, il BlackBerry 5810 consentiva agli utenti di inviare e-mail, organizzare i propri dati e preparare note. Sfortunatamente, mancava un altoparlante e un microfono, il che significa che i suoi utenti erano costretti a indossare un auricolare con un microfono collegato.

2002: primo cellulare con fotocamera

Il Sanyo SCP-5300 ha eliminato la necessità di acquistare una fotocamera, perché è stato il primo dispositivo cellulare a includere una fotocamera integrata con un pulsante snapshot dedicato. Sfortunatamente, era limitato a una risoluzione di 640x480, uno zoom digitale 4x e una portata di 3 piedi. Indipendentemente da ciò, gli utenti del telefono possono scattare foto in movimento e quindi inviarle al proprio PC utilizzando una suite di software.

2004: primo telefono ultrasottile

Prima del rilascio del Motorola RAZR V3 nel 2004, i telefoni tendevano ad essere grandi e ingombranti. Razr lo ha cambiato con i suoi minuscoli 14 millimetri di spessore. Il telefono presentava anche un'antenna interna, una tastiera incisa chimicamente e uno sfondo blu. È stato, in sostanza, il primo telefono creato non solo per fornire grande funzionalità, ma anche per trasudare stile ed eleganza.

2007: Apple iPhone

Quando Apple è entrata nel settore dei telefoni cellulari nel 2007, tutto è cambiato. Apple ha sostituito la tastiera convenzionale con una tastiera multi-touch che consentiva ai clienti di sentirsi fisicamente mentre manipolavano gli strumenti del cellulare con le dita: facendo clic sui collegamenti, allungando/riducendo le foto e sfogliando gli album.

Inoltre, ha portato la prima piattaforma piena di risorse per i telefoni cellulari. Era come prendere un sistema operativo da un computer e metterlo su un telefonino.

L'iPhone non è stato solo il dispositivo touchscreen più elegante sul mercato, ma è stato anche il primo dispositivo a offrire una versione completa e senza restrizioni di Internet. Il primo iPhone ha dato ai consumatori la possibilità di navigare sul Web proprio come farebbero su un computer desktop.

Vantava una durata della batteria di 8 ore in conversazione (superando gli smartphone del 1992 con una sola ora di durata della batteria) e 250 ore in standby.

Funzionalità del telefono cellulare intelligente

L'SMS

Una risorsa indispensabile per molte persone è il servizio di messaggistica di testo (SMS). Pochi lo sanno, ma il primo sms è stato inviato nel 1993 tramite un operatore finlandese. Ci è voluto molto tempo prima che tutta questa tecnologia arrivasse in America Latina, del resto gli operatori stavano ancora pensando di installare i fissi per i clienti.

I messaggi di testo non erano un grosso problema all'epoca, perché erano limitati a pochi caratteri e non consentivano l'uso di accenti o caratteri speciali. Inoltre, era difficile utilizzare il servizio SMS, perché era necessario che, oltre al cellulare, anche il cellulare del destinatario fosse compatibile con la tecnologia.

I telefoni cellulari in grado di inviare messaggi di testo erano generalmente dotati di una tastiera alfanumerica, ma il dispositivo doveva includere lettere anziché numeri.

le suonerie

I telefoni cellulari hanno portato campanelli leggermente irritanti, nel frattempo con il progresso della tecnologia negli operatori e nei dispositivi, hanno iniziato ad apparire suonerie monofoniche e polifoniche personalizzate, un fattore che ha fatto spendere molti soldi solo per avere le proprie canzoni preferite.

schermi a colori

Senza dubbio tutto era il migliore per i consumatori, ma mancava ancora qualcosa per completare il cellulare: erano i colori. I dispositivi con schermi monocromatici semplicemente non trasmettevano tutto ciò che i nostri occhi potevano capire.

Quindi i produttori hanno introdotto schermi con scale di grigi, una risorsa che ha permesso di distinguere le immagini. Nonostante questo, nessuno era soddisfatto, perché tutto sembrava così irreale.

Quando è apparso il primo cellulare a quattromila colori, la gente pensava che il mondo stesse finendo, perché era una tecnologia incredibile per un gadget così piccolo.

Non ci è voluto molto perché i dispositivi ottenessero incredibili schermi da 64.000 colori, quindi sono comparsi schermi con un massimo di 256 colori. Le immagini sembravano già reali e non c'era modo di notare la mancanza di colori. Ovviamente l'evoluzione non si è fermata e oggi i cellulari hanno 16 milioni di colori, una risorsa fondamentale nei dispositivi ad alta risoluzione.

Messaggi multimediali e internet

Con la possibilità di visualizzare immagini a colori, i telefoni cellulari non hanno tardato ad acquisire la risorsa dei famosi messaggi multimediali MMS. I messaggi multimediali, in un primo momento, sarebbero utili per inviare immagini ad altri contatti, tuttavia, con l'evoluzione del servizio, l'MMS è diventato un servizio che supporta anche l'invio di video. È quasi come inviare un'e-mail.

Quello che tutti volevano era finalmente disponibile sui cellulari: Internet. Naturalmente, l'accesso a Internet tramite un telefono cellulare non assomigliava a quello utilizzato dagli utenti di Internet sui computer, ma dovrebbe evolversi molto presto. Portali necessari per creare pagine mobili (cosiddette pagine WAP), con contenuti ridotti e pochi dettagli.

Gli smartphone di oggi

C'è una grande differenza nell'hardware dal 2007 ad oggi. Insomma, tutto è più avanzato.

– C'è molta più memoria
– I dispositivi sono molto più veloci e potenti
– Puoi utilizzare più app contemporaneamente
– Le telecamere sono HD
– Lo streaming di musica e video è facile, così come i giochi online
– La batteria dura giorni invece di minuti o un paio d'ore

Due principali sistemi operativi si sono evoluti nel mercato degli smartphone. Android di Google è stato adottato da vari produttori di hardware per competere con iOS di Apple.

Al momento sta vincendo Android, che detiene la quota maggiore del mercato mondiale, con oltre il 42%.

Grazie a questi progressi, la maggior parte delle persone è stata in grado di sostituire le proprie fotocamere digitali e iPod (lettori mp3) con i propri telefoni. Mentre gli iPhone valgono di più a causa del set di funzionalità, i dispositivi Android sono diventati più diffusi perché sono più convenienti.

Il futuro degli smartphone

I primi smartphone come Simon di IBM ci hanno dato un'idea di cosa potrebbero essere i dispositivi mobili. Nel 2007 il suo potenziale è stato totalmente trasformato da Apple e dal suo iPhone. Ora, continuano a diventare un punto fermo della nostra vita quotidiana.

Dalle sostituzioni delle nostre fotocamere digitali e lettori musicali, agli assistenti personali come Siri e la ricerca vocale, abbiamo smesso di utilizzare i nostri smartphone solo per comunicare tra loro.

L'evoluzione non può fermarsi, quindi i produttori non smettono di lanciare più dispositivi, con caratteristiche più sofisticate e funzioni ancora più interessanti.

I progressi degli smartphone continuano a crescere costantemente. È difficile prevedere cosa verrà dopo, ma sembra che sia probabile un ritorno ai telefoni con touchscreen pieghevoli. Anche i comandi vocali dovrebbero continuare a crescere.

Sono finiti i giorni in cui dovevamo sacrificare molte delle funzionalità di cui disponiamo sui nostri laptop o desktop mentre eravamo in movimento. Il miglioramento della tecnologia mobile ci ha consentito più opzioni nel modo in cui affrontiamo le nostre attività lavorative e ricreative.

TechnoBreak | Offerte e Recensioni
Logo
Abilita la registrazione nelle impostazioni - generale
Carrello